RITORNA LA MODA DEGLI ANNI ’80

TUTTI IN LAVANDERIA PER RIVIVERE  L’ATMOSFERA DELLO  Spot Levi’s 501 ERA IL 1984

E’ il  magico 1984 quando in una lavanderia pubblica, affollata, arriva un giovane e aitante teen- agers che senza alcun pudore, si spoglia davanti agli occhi curiosi dei clienti in attesa,  restando in boxer per lavare i capi che indossa, tra i quali il mitico ed intramontabile levis 501. Lui è Nick Kamen, e la sua bellezza ha ammaliato in questo spot che è diventato uno dei simboli dei mitici anni ’80.
Per chi li ha vissuti sono stati anni da non dimenticare pieni di vita, miti e tendenze che portiamo tutt’oggi nel cuore, gli anni ’80  erano gli anni in cui non sapevamo cosa fosse internet, erano anni che per essere social dovevi uscire di casa e farti accettare dagli amici, quelli veri con i quali si ascoltava la musica a tutto volume con le mega radio portate brutalmente sulle spalle, così in ,modo disinvolto in giro per tutto il paese che la musica del momento quella vera, quella dei grandi gruppi musicali che ancora oggi dettano legge. Passavamo le giornate così con i nostri miti, la musica al centro della vita con il brivido che ci trasmettevano grandi come Simple Minds, Spandau Ballet, Bon Jovi, Madonna,
Michael Jackson, Pink Floyd, Queen, il grande Vasco  potrei continuare ad elencare tutti grandi nomi della musica, siamo cresciuti con i loro concerti e l’adrenalina trasmessa. I nostri anni ’80 che ci hanno regalato schiene deformate dagli zaini portati rigorosamente su una spalla sola anche se pieno da quintali di libri, solo gli sfigati lo portavano su due spalle, ora gli sfigati hanno la schiena a posto, sono gli anni anche del grandioso movimento dei paninari, averlo vissuto è stato una fortuna straordinaria, un simbolo di omologazione sicuramente nato tra i giovani ma con ideali di perbenismo e abbigliamento curato e molto costoso, hanno fatto fortuna marchi come Moncler, Timberland, Naj -Oleari, e molti altri, il colore il dettaglio principale di questo stile credo unico.  Il panozzo così chiamato per la scelta dell’hamburger come cibo preferito, con il viso sempre lampadato oppure con quintali di terra maschi compresi !!! Sono nate intorno a questo movimento anche riviste specializzate sui modi e i comportamenti del panozzo, in qualche modo si leggeva anche.
Chi non poteva essere panozzo, comunque vestiva con jeans a vita alta,  maglie a rete e abiti fluo anche in inverno, crop top coloratissimi con brillantini e tutto doveva essere rigorosamente abbondante, anzi extra large, collane, orecchini, trucco, tutto rigorosamente esagerato,   portavamo spalline sotto ogni cosa giacche, maglie, t-shirt stile mazinga.  Abbiamo sognato con le storie d’amore di Top Gun e Flashdance dal quale abbiamo adottato la moda degli scaldamuscoli.
Avevamo la vita piena anche senza i social media o internet, anzi fin troppo, sono stati comunque gli anni dei primi video games, e delle ore passate in sala giochi anche solo per guardare gli altri giocare, Mario Bross un mito difficile da dimenticare.
Lo stile sportivo comunque andava alla grande e tutti abbiamo esibito bandane e fasce tra i capelli, polsini di spugna da tennis, sneackers sportive bassisime chiamate SUPERGA.
Entro in lavanderia e rivivo le sensazioni degli anni ’80 ricordando la mitica pubblicità della Levis e rispolverando i ricordi, lo faccio con un cappotto che mi ricorda quegli anni, un cappotto trovato su
ROSEGAL che da qualche tempo veste la mia moda, in mordibo panno a quadri con un taglio sia classico che casual , una spilla bon ton a regalare grazia al suo stile,   se volete rivivere la sensazione di quegli anni trovate il mio CAPPOTTO su ROSEGAL .
Ho abbinato una tuta in denim molto Street con cerniera lampo aperta per lasciare intravedere la bellezza del gioco di pizzo della mia t-shirt presa su ROSEGAL .
Una borsa con catene e borchie accostate alle scarpe in denim. Tutto mischiato per un gioco di tessuti e sensazioni.

INSIEME A ROSEGAL PER RIVIVERE I MITICI ANNI ’80 IO L’HO FATTO ORA TOCCA A VOI 

www.babaluccia.com

The following two tabs change content below.

Barbara Di Mauro

Turin, Italy
Hi, I'm Babaluccia ! Fashion & beauty blogger. Fashion editor of Babaluccia fashion and my Chic ideas, italian fashion blogger. Brand Ambassador & travel lover!! Torino city.

Ultimi post di Barbara Di Mauro (vedi tutti)